Caravaggio. Oltre la tela: la mostra immersiva


Caravaggio torna a Milano con “Caravaggio Oltre la tela. La mostra immersiva“, un viaggio sensoriale attraverso le opere del grande Michelangelo Merisi.

Attraverso un sofisticato sistema di multi-proiezione a grandi dimensioni, i visitatori potranno conoscere il “Caravaggio nascosto”, sia attraverso il racconto di episodi inediti della vita dell’artista, sia grazie ad una particolare visione di molti capolavori solitamente inamovibili. Si ripercorrono così l’epoca della gioventù milanese del Merisi, la stagione dei grandi successi romani, gli anni difficilissimi di Napoli, Malta, Palermo.

Nuove tecnologie accompagneranno il pubblico, che potrà immergersi nella vicenda umana ed artistica di Caravaggio e proiettarsi dentro i suoi dipinti ed i luoghi in cui ha vissuto…..

“Caravaggio. Oltre la tela” nasce quindi proprio dalla impossibilità oggettiva di mostrare dal vivo alcuni capolavori inamovibili del Maestro lombardo, ma sicuramente indispensabili alla completa comprensione del suo genio. Le immagini permetteranno di ammirare e approfondire opere come quelle della Cappella Contarelli a San Luigi dei Francesi o della Cappella Cerasi a Santa Maria del Popolo, oppure la Morte della Vergine – dipinta per essere posizionata sull’altare di Santa Maria della Scala a Roma e rifiutata dai committenti,  la Decollazione del Battista nella Concattedrale de La Valletta, la Medusa conservata agli Uffizi e tante altre ancora. 

Sono infatti 50 le opere fotografate ad altissima definizione che la mostra, grazie all’utilizzo del video mapping,presenterà nella loro integralità architettonica, in modo da essere fruite esattamente come concepite dall’artista.

La mostra permetterà inoltre di scoprire cosa si nasconde dentro alcune delle più celebri opere di Caravaggio. Come nel caso del Martirio di San Matteo della Cappella Contarelli dove scopriamo due redazioni diverse, una sopra l’altra, sulla stessa tela: Caravaggio realizza una prima versione compiuta, non solo un abbozzo, ispirandosi ai maestri del passato. Ma poi, insoddisfatto, copre l’opera e ricomincia da capo. O nella Giuditta che taglia la testa a Oloferne dove Caravaggio allontana i margini della ferita e cambia posizione a tutta la testa, in origine più attaccata al corpo: forse per fedeltà ai testi sacri che riportano come Oloferne venga colpito due volte prima di essere decapitato. Giuditta ha scagliato il primo colpo e sta per scagliare il secondo, quello decisivo necessario per il completo distacco della testa.

La mostra, prodotta da NSPRD per Experience Exhibitions ha coinvolto un team di giovani sceneggiatori, cineasti, video artisti, scenografi, doppiatori che con la consulenza scientifica di Rossella Vodret,  hanno elaborato un nuovo formato di mostra immersiva, che non si limita alla semplice presentazione delle opere in alta risoluzione e dei loro dettagli, ma che mira a sfruttare al massimo le ultime tecnologie per una divulgazione scientifica di ultima generazione.


Dove: Museo della Permanente – Milano
Quando: dal 6 Ottobre al 27 Gennaio 2019
Orario: da Lun. a Dom. 9.30-20.00; Gio. 9.30-22.00
Prezzo: Intero: € 14.00 Ridotto: € 12.00


 

Nata e cresciuta a Firenze, ligure di adozione. Sono curiosa, innamorata dell’arte in tutte le sue forme e declinazioni.